Lo spettro della Luna in eclisse
TACOR 15 giugno 2011

Lo spettro della Luna e' stato ripreso col telescopio didattico TACOR e lo spettrografo OMR10-C, reticolo da 1200 tr/mm e camera CCD Apogee AP47.

Le condizioni meteo sono state avverse per gran parte dell'eclisse e quindi e' stato possibile acquisire spettri solo nella fase finale, con la Luna gia' parzialmente fuori dall'ombra della Terra. Hanno partecipato attivamente alle osservazioni una ventina di studenti dei Corsi di Laurea in Fisica e in Fisica e Astrofisica.

La regione spettrale osservata col TACOR e' nel rosso da 6300 a 7000 Angstrom, e mostra la riga H-alfa dell'Idrogeno a 6563 e la forte banda B di Fraunhofer (testa a 6867) dovuta all'ossigeno della atmosfera terrestre.

La luce che illumina la Luna durante l'eclisse totale e' luce solare deflessa dall'alta atmosfera terrestre e mandata all'interno del cono d'ombra. Lo spettro della Luna e' pertanto lo spettro del Sole modificato dall'attraversamento della atmosfera terrestre.
Lo studio delle righe atmosferiche terrestri nello spettro della Luna eclissata costituiva uno dei pochi modi, prima degli anni '40, per avere informazioni sugli strati alti della nostra atmosfera.

La figura mostra lo spettro della Luna in ombra (in alto), fuori eclisse (al centro) e per confronto lo spettro di Vega (in basso). Gli spettri sono normalizzati al continuo: gli spettri della Luna sono traslati verticalmente, rispettivamente di 0.7 e 1.4 per evitare sovrapposizioni.
E' evidente la maggiore profondita' della banda B nello spettro della Luna eclissata rispetto allo spettro di Vega.

La riga H-alfa e' piu' intensa in Vega a causa della maggiore temperatura superficiale di Vega rispetto al Sole.

(elaborazione dati di Corinne Rossi e Roberto Nesci)

Torna alla pagina principale del TACOR
Torna alla pagina principale del Dipartimento di Fisica